17 Gennaio 2019, 23:21
IschiaDirectory su Facebook  IschiaDirectory su twitter   
 
Home
Agenzie di Viaggi
Transfer & Tour
Appartamenti e Ville
Agenzie Immobiliari
Centri Benessere
Ristoranti, Pub e Bar
Shopping
Autonoleggi
Eventi e Cultura
News
Castello Aragonese
Tutto l'anno, Mostra Museo Castello Aragonese ad Ischia Ponte...
Andiamo al Cinema dal 18/11
ISCHIA: The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 1
FORIO: Johnny English la rinascita

Negombo Summer Festival 2011
Negombo Summer Festival 2011: serate all'insegna dello spettacolo e della musica...
PIDA 2012
Dal 19 al 21 Luglio 2012 sull′isola d′Ischia si svolge la quinta edizione di PIDA, il Premio Internazionale Ischia di Architettura...
Centro Assistenza Turistica per la ricerca di camere, trasferimenti ed escursioni in offerta speciale.
Sapere
Le Terme di Ischia
Vedere
IschiaDirectory » Storia dell'isola d'Ischia » Il Medioevo e le incursioni arabe
 
Societ di trasporto persone che opera sull'isola per qualsiasi destinazione Italiana ed Europea. IschiaCarService vi offre due tipologie di transfer.

Il Medioevo e le incursioni arabe

Nel Medioevo ai vari culti pagani si sostituirà il Cristianesimo, la cui diffusione sull'isola è da ricollegarsi al culto di Santa Restituta. Accanto a questo fenomeno religioso, nel Medioevo bisogna registrare un evento storico che coinvolgerà non solo l'isola, ma l'intera Europa da Nord a Sud: le invasioni barbariche. Come sappiamo con la caduta dell'Impero romano d'Occidente, popolazioni di stirpe germanica occuparono i possedimenti romani operando devastazioni e saccheggi. Accanto ai barbari, vi furono i Bizantini del sopravvissuto Impero romano d'Oriente che si contesero con i barbari la nostra penisola. Ischia fu sottoposta ai Bizantini per un periodo che va dal 558 al 588 d.C.. Restituita dai Bizantini a Napoli, Ischia ebbe un proprio governatore col titolo di Conte, dal 661 al 1130. Ma si trattò di un periodo di relativa tranquillità, in quanto l'isola dovette fare i conti prima con i Longobardi e poi con le scorribande dei pirati arabi che misero in apprensione la popolazione isolana e i rappresentanti della Chiesa. Il primo documento ufficiale è di papa Gregorio Magno che, nel 598 d.C., rileva la necessità di una maggiore protezione degli abitanti "de insulis". Nel 812 d.C. Ischia subì una vera e propria occupazione saracena, tale da indurre di nuovo un papa, Leone III a inviare una lettera di soccorso a Carlo Magno. È in tale documento che l'isola (e più precisamente il "borgo di mare", l'attuale Ischia Ponte) è designata come "Iscla Major", "isola maggiore", per differenziarla dall"Insula minor" o "Castrum Ieronis", l'isolotto del castello, nel quale gli abitanti dell'isola si rifugiarono. Iscla deriva:
Ischi, nome meno conosciuto di Apollo, dio della salute e protettore delle acque medicamentose;
Ioxas, fico, frutto del quale l'isola è ricca;
ischion, il femore da cui l'isola trarrebbe la forma;
ile o isle, termini francesi per "isola";
ischion, fortezza, per la presenza del castello;
aesculus, ischio, un tipo di quercia;
dal fenicio I-scheria, la nera;
dall'arabo col significato di "a sinistra", poichè per i naviganti che imboccano il golfo di Napoli l'isola si trova a manca;
dalla corruzione di insula, divenuta nell'Alto Medioevo issla e poi iscla.

 
cartina isola d'ischia
foto ischia, ischia foto, ischia
Informazioni
Inserisci evento su IschiaDirectory

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di www.IschiaDirectory.it . Ulteriori informazioni